Sinnos

Sinnos e sonnios

Ilbeltu

B’a’ cosas chi pro las cumprendere bi chere’ tempus e isperienzia; e cosas chi cand’un’at isperienzia non las cumprende’ prusu. Cosas chi pro vortuna s’irmenticana e cosas chi pro vortuna s’ammentana; e cosas chi si credene irmenticatas e chi inbezzes una die a s’improvisu torran’a conca.

Ci sono cose che per comprenderle ci vuole tempo e esperienza; e cose che quando uno ha esperienza non le comprende più. cose che per fortuna si dimenticano e cose che per fortuna si ricordano; e cose che si credono dimenticate e che invece un giorno all’improvviso tornano in mente.

(Michelangelo Pira, Sos sinnos)

Tottu cussu chi est’in foras de nosus mustrat contivizu in su impegnu nostru. D’onzi unu tenet sas proprias tendenzas chi enene da s’istintu: chi tenet cura de sos ateros, chi est falsu, o benefatòre, chi amat su progressu, o chi este unu mariolu ….

Tendenzas: sinnos de sos caminos in ‘ue nos che falamos.

Istintos: raportos de sos caminos derettos e de cussos irbagiados.

Sos fueddos cun sa zente no sunu su nostru asseliu … sa nostra paghe … e nemmancu sa funtana de sa propria cuntentesa si intro ‘e su coro nostru no b’este cussu asseliu … cussa paghe … cussa cuntentesa chi si deppid’assotziare po nos relatzionare cun su mundu chi, medas boltas, este istrangiu a sa vida nostra.

Su mundu de su istare ‘ene este comente istare in domo ananti a su fogu azzesu. Este intro a nosus. Toccada a bi pone fogu e a sulare meda po lu faghet azzennere. Mi ch’assucono cando faeddo de echilibbriu ma lu chelzo jamare gai: sa vida este chilcare e agattare custu echilibbriu.

Como deo penso chi custu echilibbriu este tantu pius schilevriu cantu sunu attesu sos puntos de agiuntadura de s’essere e de su cumparrere: no si podet disizare una cosa e a su matessi tempu non la cherrere, mancai pod’esse unu sonniu, chi si no este comente currere fattu a una littorina cando bi ses a intro. Sa nostra è sa littorina de sa vida…

Toccada a si faghet biere comente semus!

Si nosus bundhemos tristura su mundu chi inghirada a nosus si pode faghet nieddu …

. sa gana de ‘iere este s’allegria pius manna.

Tutto quello che c’è all’infuori di noi coinvolge il nostro impegno. Ognuno ha le proprie tendenze che vengono dall’istinto: chi ha cura degli altri, chi è falso o benefattore, chi ama il progresso o chi è un imbroglione …

Tendenze: segni dei percorsi in cui ci caliamo.

Istinti: rapporti dei cammini giusti e di quelli sbagliati.

I dialoghi con il mondo non sono la nostra tranquillità … la nostra pace … e nemmeno la fonte della propria gioia se già dentro di noi non abbiamo quella tranquillità … quella pace … quella gioia con le quali ci dovremo porre nel relazionarci con il mondo che, a volte, ci sembra straniero nella nostra vita.

Il mondo dello star bene è come stare in casa davanti a un fuoco acceso. È dentro di noi. Ci tocca dare fuoco e soffiare molto perché resti sempre acceso. Mi spavento quando parlo di equilibri ma li voglio chiamare così: la vita e cercare è trovare questo equilibrio.

Ora io penso che questo equilibrio è tanto più squilibrato quanto sono lontani i punti di congiunzione dell’essere e dell’apparire: non si può desiderare una cosa e allo stesso tempo non volerla, fosse anche un sogno, altrimenti è come correre dietro a un treno essendoci già dentro. Il nostro è il treno della vita…

Rappresentiamo quel che siamo!

Se produciamo tristezza il mondo che gira intorno a noi potrebbe farsi cupo …

la voglia di vivere è l’allegria più grande.

Posted 7 years, 7 months ago at 00:34.

1 comment

This site is protected by WP-CopyRightPro